Fabio Furnari – Oggi Niente Pasto (cd) [Terre Sommerse]

Giordano Cestari – Un Posto (cd) [Terre Sommerse]
23 Giugno 2020
Muna – M (cd) [Terre Sommerse]
23 Giugno 2020

Artista: Fabio Furnari
Titolo: Oggi Niente Pasto
Data di uscita: nd
Etichetta:  Terre Sommerse
Fornitore: Terre Sommerse
Supporto: CD x1
Genere: Pop, Canzone D’Autore

*************************************************
disponibilità immediata

consegna espressa 1 – 3 giorni lavorativi

su richiesta confezione regalo disponibile e gratuita

La confezione del cd comprende anche un breve racconto dell’autore ” I pensieri del giovane Fedro.

1) QUESTA NOTTE PIENA DI RICORDI
2) SONO VENTI
3) OGGI NIENTE PASTO
4) LA MANO DESTRA
5) ARIA DI LIBERTA’
6) DUEMILACENTOSETTE
7) PER AVERTI
8) TERRE SOMMERSE
9) NUDI
10) LE PAROLE CHE SFUGGONO ALLA VOCE
11) CHIUDI GLI OCCHI AL BUIO
12) TEMPORALE
13) OGGI NIENTE PASTO (reprise)

Questo lavoro è il frutto di anni di registrazioni, di prove, di concerti.
Ho voluto far convivere canzoni vecchie e canzoni nuove. Quando abbiamo  iniziato a incidere  con Alessandro Facchini (nel 2007) non avevamo idea di cosa sarebbe venuto fuori. Man mano mi accorgevo che stavo facendo un percorso a ritroso per ritrovare quelle sonorità quasi degli esordi, perché alcune di queste canzoni avevano bisogno di nuova vita. Nel corso di questi anni ci sono stati musicisti che mi hanno accompagnato con cui ho condiviso strade e ho appreso musica, vedi per esempio Daniele Iacono e Fabrizio Guarino che sebbene non siano presenti nel disco fanno parte integrante di questo progetto musicale. Devo ringraziare tutti i musicisti che hanno lavorato con me in questi anni e tutte le persone che mi sono state vicine. In particolare tutto lo staff di Terre Sommerse Niccolò, Simona, Cristiano, Valeria, Michele, Simone.
Ho visitato la Croazia dopo qualche anno dalla fine del conflitto, girando per Zara i segni della guerra erano ancora evidenti non solo sulle mura dei palazzi della città, con le mitragliate ma anche sui corpi della gente. Uscendo per strada si incontravano più mutilati che gente sana. Un giorno ho incrociato il volto di un giovane poco più che trent’enne deturpato: lo sguardo era perso nel vuoto, lo seguiva una ragazza, aveva le mani bruciate; mi guardavo intorno, stavo nella grande piazza del Foro romano di Jadera. Forse solo in quel momento mi accorsi della devastazione e dei segni indelebili che aveva lasciato la guerra. Venni assalito dall’angoscia. Il ragazzo si avvicinò: “Italiano?” risposi annuendo; e lui: “Oggi niente pasto!”

 

Peso 1 kg